pres4cription4 tramadol 50mg drug hydrochloride tramadol buy tramadol, what does a tramadol look like, 6fhFeT, viagra for women, ulf ; Vn9bFN, viagra and eating a meal; xanax without a prescription; tramadol pain receptors; NHKkguO; viagra boost as viagra, EHhCAG; VCbsO, time of day to take viagra, viagra, valium viagra interaction, viagra art; Csi1UGo, w7eZ; buy cialis; JLzDDI8, z2vHfj, cialis mexico LoDLSGC; viagra samples WtNnl, u2G5L, online pharmacy prescription drug viagra, k8RtdfEA
 菲律宾sunbet官网_进入申慱sunbet官网_菲律宾申慱sunbet最新登陆


Martedì 8 Aprile, 2008
les gens sont formidables

dsc06527.jpg

devo preparare il catering per l’inaugurazione di un hammam, mi hanno chiesto un “buffet etnico, un po’ marocchino e un po’ turco, un po’ anche indiano e sostanzialmente vegetariano ma soprattutto scenografico”! Ammetto che non ne so molto di cucina etnica ma questa richiesta chiarisce molto bene l’approccio e il sentire comune di fronte al cosiddetto “altro da noi”. Così nel tentativo di allargare le mie misere vedute e chiarire le poche e confuse idee che avevo, ho chiamato la mia amica Amal, marocchina di Marrakesh, raffinata estetista di scuola francese nonché profonda conoscitrice delle tradizioni culinarie del suo paese. Ma il mondo è proprio strano e la gente è formidabile come ci insegna Truffaut. Mentre ieri sera, sulla base dei consigli di Amal, mi cimentavo impacciata con cuscus e zuppa di lenticchie rosse all’harissa, mi ha telefonato Jessica, (il mio prezioso aiuto nelle cene a casa 7) chiedendomi ragguagli su come fare il tiramisù per Antonio, suo figlio. Jessica è del Ghana, mentre Antonio, 10 anni, è nato a Como, parla con accento lombardo e non ne vuol sapere di cucina africana. I suoi piatti preferiti sono la pizza e le lasagne e il suo obiettivo è imporre a Jessica di imparare a cucinare italiano. Mi ha fatto sorridere questo intreccio di vite e di telefonate: una pugliese che tenta di cucinare marocchino per un catering destinato a comaschi mentre parla al telefono con una ghanese che sbatte il mascarpone per il tiramisù di suo figlio italiano. Le gens sont formidables.


Puoi seguire i commenti a questa notizia attraverso RSS 2.0 feed.
Puoi lasciare un commento, o un trackback dal tuo sito.



2 commenti per “ les gens sont formidables ”

  1. Hipert ha scritto il Martedì 8 Aprile, 2008 alle 11:13 am :



    Quoto alla grande.
    Ieri sera passo al market cinese aborrito dagli italiani per prendere noodles da fare con agretti, limone e zenzero. Al banco un ragazzino cinese che serve una ragazza senegalese e il loro punto di contatto è chiaramente in italiano: Lei:”Devo fare yassa, avete polli?” Lui dice si, poi va nel retro e torna con una cassa di porri “ecco tutti i polli limasti…)”. Li aiuto nelle spiegazioni e loro due ridono di gusto, col cuore e con gli occhi.
    Oui, Le gens sont formidables.

  2. vivla ha scritto il Giovedì 10 Aprile, 2008 alle 10:06 am :



    Ieri pomeriggio tour etnico in città. Prima acquisti al negozio di spezie, coloratissimo ma polveroso, gestito da cinesi e frequentato principalmente da africani (ma non del nord), poi passaggio alla macelleria islamica dove però bisogna mettere in conto una sorta di “selezione all’ingresso”, e cioè prima passare attraverso il tunnel di uomini che fanno capannello sotto la porta e poi subìre vera e propria radiografia di sguardi. Ti racconterò il seguito.
    V.
    Ah cd bellissimo, grazie.



Lascia una risposta

Devi accedere per inserire un commento.