pres4cription4 tramadol 50mg drug hydrochloride tramadol buy tramadol, what does a tramadol look like, 6fhFeT, viagra for women, ulf ; Vn9bFN, viagra and eating a meal; xanax without a prescription; tramadol pain receptors; NHKkguO; viagra boost as viagra, EHhCAG; VCbsO, time of day to take viagra, viagra, valium viagra interaction, viagra art; Csi1UGo, w7eZ; buy cialis; JLzDDI8, z2vHfj, cialis mexico LoDLSGC; viagra samples WtNnl, u2G5L, online pharmacy prescription drug viagra, k8RtdfEA


Lunedì 1 Ottobre, 2007
il bar dell’anno 2008

corrado-assenza.jpg

E’ sempre una bellissima festa la presentazione della guida dei bar d’Italia del Gambero Rosso alla Città del gusto di Roma. I migliori locali della penisola, quelli che si fregiano dell’ambito giudizio di 3 chicchi e 3 tazzine, simbolo d’eccellenza, si ritrovano ogni anno per festeggiare degnamente (ovvero tra tripudi di bontà inimmaginabili, sorrisi e sincere dimostrazioni di stima reciproca) e partecipare all’elezione del migliore tra i migliori. Ma quest’anno l’avvenimento è stato ancora più bello ed emozionante alla notizia che il vincitore del premio Illy “bar dell’anno” era Corrado Assenza. “Il maestro, il genio, il pasticcere per eccellenza, il poeta, il pazzo”, tante le frasi usate per definire l’anima del Caffè Sicilia di Noto eppure tutti ancora non perfettamente calzanti. Per le notizie ufficiali, i voti della giuria, le recensioni rimando alla guida stessa e ai numerosi articoli usciti in questi giorni. In questo contesto cioè in un blog personale (e passionale) voglio invece semplicemente dire che sono troppo felice che Corrado abbia vinto (al di là dei meriti professionali indiscutibili) perché è una persona umile e generosa, un signore, nel vero senso della parola, che riesce sempre ad andare al cuore delle cose, all’ESSENZA (quasi gli suggerirei quel cambio di vocale nel cognome), uno che riuscirebbe a commuoverti anche con un bicchiere di acqua pura. Tra le meraviglie assaggiate quest’anno il gelato all’origano fresco con cagliata, la torta “prima che sia fumo” e una, per me sconvolgente, granita di amarene. Uno di quei sapori dimenticati per tanto tempo (diciamo dall’infanzia più lontana), a lungo e invano aspettati e ricercati e poi magicamente ritrovati. Che emozione, che brividi, senza parole… grazie Corrado

PS. (vorrei morire mangiando granita alle amarene)

Molto contenta anche delle menzioni speciali della giuria a:
Zilioli di Brescia

Colzani di Cassago Brianza

Tuttobene di Campi Bisenzio


Puoi seguire i commenti a questa notizia attraverso RSS 2.0 feed.
Puoi lasciare un commento, o un trackback dal tuo sito.





Lascia una risposta

Devi accedere per inserire un commento.