pres4cription4 tramadol 50mg drug hydrochloride tramadol buy tramadol, what does a tramadol look like, 6fhFeT, viagra for women, ulf ; Vn9bFN, viagra and eating a meal; xanax without a prescription; tramadol pain receptors; NHKkguO; viagra boost as viagra, EHhCAG; VCbsO, time of day to take viagra, viagra, valium viagra interaction, viagra art; Csi1UGo, w7eZ; buy cialis; JLzDDI8, z2vHfj, cialis mexico LoDLSGC; viagra samples WtNnl, u2G5L, online pharmacy prescription drug viagra, k8RtdfEA


Lunedì 3 Settembre, 2007
Doveva essere un post “romantico” di cartoline dalle vacanze…

dsc02782.jpg

… e invece ho visto questa foto e mi ha preso un moto di insofferenza e disgusto tanto che non mi dispiace più se le vacanze sono finite. Il piatto in questione è una frisella “condita”, servita rigorosamente in piatto di plastica su tovaglietta di carta, e pagata 8 euro, dico 8 euro al baretto sulla spiaggia di Ugento (tra l’altro splendida di sabbia finissima e acqua che più trasparente non si può). Ma non è tanto il ricordo del prezzo che mi ha fatto incazzare quanto la sensazione di sbigottimento che abbiamo provato in quel momento. Io avevo ordinato una frisella condita appunto e mi aspettavo una frisella condita con olio, origano, pomodori maturi, tutt’al più qualche cappero di quelli nostrani cresciuti selvaggi tra i muretti assolati, e invece cos’è sta roba? Un’accozzaglia di cose messe insieme da una mente perversa, un imbarbarimento, un piatto che non esiste in nessun ricettario pugliese e tantomeno nelle sante tradizioni, usi e costumi. Un piatto da Mc Donald’s mi sembra, creato per sfamare orde di turisti improvvisamente attratti da un’idea di sud acceso ed eccessivo, folcloristico e aperto a tutto e a tutti. Una schifezza in pratica, una cosa che non mi piace per niente come non mi piacciono le nuove hostarie e trattorie “vecchie antiche e tipiche” spuntate come funghi ovunque, come non mi piace l’assalto al piatto tipico a tutti i costi, anche a quello di snaturare luoghi dove la lentezza e la pazienza sono assaporabili almeno quanto il cibo stesso e gli odori che emana, come non mi piacciono il pressappochismo, la superficialità e il guadagno facile che non porteranno il sud da nessuna parte. E questo piatto ne è il simbolo perfetto.

Per curiosità sulla frisella c’erano: pomodori da insalata (verdi), tonno in scatola tipo discount, mozzarella di finta bufala, peperoni e melanzane sott’olio (di arachide) e melanzane fritte!!!

Per curiosità 2: poco più in là, a 10 euro, dico 10 euro da Bolina a Tricase (uno dei ristoranti migliori della costa) si mangiano degli spaghetti cozze e cime di cicoria eccezionali.


Puoi seguire i commenti a questa notizia attraverso RSS 2.0 feed.
Puoi lasciare un commento, o un trackback dal tuo sito.



Un commento per “ Doveva essere un post “romantico” di cartoline dalle vacanze… ”

  1. Elisa ha scritto il Mercoledì 5 Settembre, 2007 alle 8:38 pm :



    Mamma mia! Davvero terribile! Appena l’ho vista, la melanzana fritta mi sembrava una piccola “orecchia di elefante”… non che scoprirla una melanzana mi rassereni! :)

    Cmq, comprendo che tra Nord/Centro e Sud ci siano ancora parecchie differenze, ma purtroppo il pressapochismo, la voglia di denaro facile, l’improvvisazione sono caratteristiche tipiche dell’Italia tutta e mi piange il cuore perche’ di potenzialita’ ne abbiamo tante :(



Lascia una risposta

Devi accedere per inserire un commento.