pres4cription4 tramadol 50mg drug hydrochloride tramadol buy tramadol, what does a tramadol look like, 6fhFeT, viagra for women, ulf ; Vn9bFN, viagra and eating a meal; xanax without a prescription; tramadol pain receptors; NHKkguO; viagra boost as viagra, EHhCAG; VCbsO, time of day to take viagra, viagra, valium viagra interaction, viagra art; Csi1UGo, w7eZ; buy cialis; JLzDDI8, z2vHfj, cialis mexico LoDLSGC; viagra samples WtNnl, u2G5L, online pharmacy prescription drug viagra, k8RtdfEA
 菲律宾sunbet官网_进入申慱sunbet官网_菲律宾申慱sunbet最新登陆


Mercoledì 8 Agosto, 2007
il miglior ristorante d’Italia

ho tanto girato e tanto cercato ma un posto buono così non l’avevo mai trovato.

Dov’è?

dsc02756.jpg

piatto del giorno ARAGOSTA alla crudele (per il cruento tipo di cottura cioè buttata in acqua bollente da viva). Il risultato però è una carne morbidissima e succosa…

dsc02758.jpg

dsc02760.jpg

…da mangiare rigorosamente senza condimenti

dsc02761.jpg

e senza dimenticare le parti più saporite delle uova e della testa. Una cosa da perderci la propria di testa…

Prima però abbiamo assaggiato succulenti “tiratufoli” e “cozze a noce” in italiano rispettivamente SPUGNE E TARTUFI DI MARE giusto per chiarire i dubbi sulla nomenclatura…

tiratufoli-rossi.jpg

dsc01621.jpg

Ancora prima con l’aperitivo un modaiolo finger (pensato provocatoriamente in onore dell’ospite cioè io) cucchiaino di TONNO CRUDO, POMODORO E CIPOLLA ROSSA

cucchiaitonno.jpg

Tra gli antipasti crudi: GAMBERI ROSSI conditi solo con olio e scorza di limone appena raccolto dall’albero

gamberi-rossi-a-brindisi.jpg

e ALLIEVI (novellame di seppioline rigorosamente “arricciate” cioè sbattutre a mano). Sembrano brutti e messi lì per caso ma solo i veri appassionati sanno che ogni morso croccante di allievo pare “MARE CONDENSATO CHE SI SQUAGLIA IN BOCCA”, come direbbe Montalbano…

seppie-crude.jpg

Poi i cotti: FRITTURINA DI SCAMPI GAMBERI E CALAMARETTI, che dire goduria pura…

dsc01617.jpg

e POLPETTINE DI PESCE SPADA (anche qui con ironico riferimento a un mio finger, della serie prova queste e poi parli di ricette!!!)
dsc02767.jpg

Due assaggi di primi piatti:

RISO PATATE E COZZE cotto in forno a legna in teglia d’alluminio

dsc02762.jpg

SPAGHETTI ALLE COZZE IN BIANCO assolutamente non mantecate ma SCIUè SCIUè EVVIVA!!!

dsc02765.jpg

Secondi piatti:

HAMBURGER DI TONNO

dsc02769.jpg

cottura perfetta, piastrato 2 minuti per lato, (da precisare che il tonno, locale, è stato pescato un, dico uno, giorno prima…

dsc02770.jpg

Pesce alla griglia: orata DI MARE, FRAGOLINO, OCCHIATA, SARAGO (la foto non rende giustizia al sapore paragonabile solo a un tuffo in mare profondo)

dsc02771.jpg

INSOMMA PRANZO PANTAGRUELICO EPPUR LEGGIADRO, FINITO CON FRUTTA DI STAGIONE (non ho la foto di uva, fichi, meloni e anguria di starordinario sapore) E CAFFè IN GHIACCIO.

GLI INDIZI PER SCOPRIRE DOV’è questo posto CI SONO TUTTI, IN PALIO per chi indovina C’è UN PRANZO DELLO STESSO CALIBRO (per motivi di reperimento il pesce proposto potrebbe essere diverso).

Allora dove si trova?????


Puoi seguire i commenti a questa notizia attraverso RSS 2.0 feed.
Puoi lasciare un commento, o un trackback dal tuo sito.



5 commenti per “ il miglior ristorante d’Italia ”

  1. Chiara ha scritto il Venerdì 10 Agosto, 2007 alle 10:01 am :



    Tutti gli indizi sembrano proprio portare in Sicilia, magari ad una di quelle isolette che si affacciano davanti Mazara del Vallo (dimmi di sì che fra qualche giorno son li in vacanza!!!) …anche se Riso, patate e cozze mi mette un po’ fuori strada…e se il miglior ristorante del mondo fosse casa tua???

  2. Stefano Maestri ha scritto il Venerdì 10 Agosto, 2007 alle 10:10 am :



    Sei di certo in puglia…sul dove esattamente ci sono indizi un po’ discordanti:
    tirtufoli mi direbbero brindisi, allievi mi direbbero bari, la tiella di riso, cozze e patate taranto, il caffe in ghiaccio lecce.

    TI accontenti di PUGLIA :)

    Fammi sapere dove devo venire per riscuotere
    ciao
    Un lettore silenzioso (fino ad oggi :;)

    Stefano

  3. Luca ha scritto il Lunedì 3 Settembre, 2007 alle 10:55 am :



    Sei percaso “da nicola” o da Varvamingo?

    Ciao :)

  4. vivla ha scritto il Lunedì 3 Settembre, 2007 alle 5:02 pm :



    Ciao Luca esistono davvero nicola e varvamingo o è uno scherzo, perché se si mangia così ci vado subito…
    in realtà Stefano Maestri e Chiara si sono avvicinati molto: il ristorante è casa mia ed è a Brindisi, anzi per l’esattezza la casa al mare dei miei tra Brindisi e Lecce, tra ulivi e vigneti di negramaro e malvasia, con le forniture di pesce di mio padre e la cucina essenziale di mia madre.
    Ringrazio molto anche chi mi ha scritto una mail in privato chiedendomi di indicare (di nascosto, per non farlo scoprire a troppi e rovinarlo) il posto segreto e sopratutto rivelare il prezzo. Accidenti non pensavo che ci fosse così voglia di scoprire posti veri e semplici, ma allora perché mai la gente si accontenta di ristopizza e trattoriacce, di tonni di plastica e spiedini congelati, di servizio e gentilezza inesistenti e conti improbabili. E il peggio è che ormai è così dappertutto, senza quasi più isole felici. Ci resterà solo… casa nostra?

  5. daniele ha scritto il Lunedì 21 Gennaio, 2008 alle 9:38 pm :



    entusiasmato di vedere il buon gusto che la mia terra offre ma che solo in pochi possono gustare. bisgna però ammettere che la buona cucina è la nostra e cioè quella pugliese. sono di brindisi e me ne vanto non solo per l’allegria che portiamo dentro e che trasmettiamo agli altri ma anche perchè, vivendo al nord, ogni qual volta invito a casa mia un così detto polentone, si ricrede di quello che pensa su noi terroni e tiene la bocca chiusa solo perchè gusta in silenzio i sapori dellanostra terra… viva la puglia…. via brindisi.



Lascia una risposta

Devi accedere per inserire un commento.