pres4cription4 tramadol 50mg drug hydrochloride tramadol buy tramadol, what does a tramadol look like, 6fhFeT, viagra for women, ulf ; Vn9bFN, viagra and eating a meal; xanax without a prescription; tramadol pain receptors; NHKkguO; viagra boost as viagra, EHhCAG; VCbsO, time of day to take viagra, viagra, valium viagra interaction, viagra art; Csi1UGo, w7eZ; buy cialis; JLzDDI8, z2vHfj, cialis mexico LoDLSGC; viagra samples WtNnl, u2G5L, online pharmacy prescription drug viagra, k8RtdfEA
 菲律宾sunbet官网_进入申慱sunbet官网_菲律宾申慱sunbet最新登陆


Lunedì 5 Luglio, 2010
sogni che si avverano


Non è meraviglioso?  Non è l’immagine ideale per raccontare di un piccolo sogno diventato realtà, di uno di quei casi, per fortuna non rarissimi nella vita, in cui tutto torna, le cose scivolano come si deve e trovano il senso giusto, dove tutto è veramente perfetto, perché bello, sobrio, pulito, senza forzature e fatiche.  Mi scuso per questo filosofeggiare estivo e improprio, forse sarà la calura, ma non sono diventata del tutto pazza. E’ che non trovo altre parole per descrivere le sensazioni provate in questo magnifico luogo, da qualche mese, “il sogno che si avvera” del mio amico chef Momi e della dolce sposa Federica.

Proprio così, questo è un tavolo del nuovo ristorante di Momi e Federica “a lago”. Un desiderio che i due avevano da tempo, un piccolo ristorantino non solo “vista lago”, ma quasi dentro, con la terrazza che addirittura sembra galleggiare nell’acqua, con l’approdo a un passo, solo il rumore dell’acqua come sottofondo, la vista su tutti i paesini dirimpettai e le ville importanti, i colori dell’acqua e del cielo che cambiano a tutte le ore traducendosi in mille sfumature, sempre diverse e sempre emozionanti… Non so se nei desideri di Momi e Fede ci fossero proprio questi requisiti, così come li scrivo io, ma immagino di sì, anzi ne sono certa, perché a vederli qui, ora, sorridenti e raggianti come non mai, sembra che ci stiano da sempre, sembra che questo angolo di paradiso sia stato creato apposta per loro e li aspettasse, in silenzio.

E proprio il silenzio, la pace, la deliziosa sensazione di “prendersi il tempo” o di stare semplicemente a guardarsi intorno, ciò che mi piace di più di questo posto, come mi piace per esempio arrivare ancora con la luce e godere quel momento incantevole “di passaggio”, il sole che scompare dietro i monti creando striature soffuse, le candele che si accendono all’improvviso,  le bollicine nel bicchiere ghiacciato che fanno a gara per salire verso l’alto, il profumo dei fiori freschi che diventa un tutt’uno con la dolcezza delle sere d’estate. Inutile dire che l’aria è leggera e fresca, anche quando in città si soffoca e perciò è ancora più piacevole lasciarsi andare ai piatti cucinati da Momi. Una cucina affrontata come sempre con naturalezza, senza orpelli e forzature inutili, buona e onesta come chi la fa, riflesso semplice e coerente del luogo magico e silenzioso di Momi e Federica .


Ristorante Momi e Riva Stendhal

Frazione Girola

Blevio (Co)
Tel: 334 1202327

www.ristorantemomi.it


Puoi seguire i commenti a questa notizia attraverso RSS 2.0 feed.
Puoi lasciare un commento, o un trackback dal tuo sito.



Un commento per “ sogni che si avverano ”

  1. Squaquerello ha scritto il Mercoledì 14 Luglio, 2010 alle 12:46 pm :



    Da spettatore ho avuto modo di conoscere televisivamente il Momi guardando I Cucinatori, e fra i vari protagonisti del programma il Momi è stato indubitabilmente uno dei più bravi e simpatici : avendo evidenti affinità di carattere con l’affabile autrice di questo blog, non mi meraviglio pertanto che sia un tuo amico.

    La descrizione del luogo è stata veramente emozionante, a conferma di come oltre ad essere una valida chef tu sia anche una squisita narratrice.

    Osservando le immagini mi domando cosa si possa volere di più dalla vita : il panorama pare essere incantevole, in particolare al tramonto, e sono certo che l’accoglienza e la qualità dei piatti non saranno da meno. Ti ringrazio pertanto per la graditissima segnalazione.

    P.S. Spero che nel menù non sia presente in nessun piatto l’oro zecchino come ingrediente, altrimenti il buon Angelo Conti Rossini si rivolterebbe nella sua tomba *___*



Lascia una risposta

Devi accedere per inserire un commento.