pres4cription4 tramadol 50mg drug hydrochloride tramadol buy tramadol, what does a tramadol look like, 6fhFeT, viagra for women, ulf ; Vn9bFN, viagra and eating a meal; xanax without a prescription; tramadol pain receptors; NHKkguO; viagra boost as viagra, EHhCAG; VCbsO, time of day to take viagra, viagra, valium viagra interaction, viagra art; Csi1UGo, w7eZ; buy cialis; JLzDDI8, z2vHfj, cialis mexico LoDLSGC; viagra samples WtNnl, u2G5L, online pharmacy prescription drug viagra, k8RtdfEA
 菲律宾sunbet官网_进入申慱sunbet官网_菲律宾申慱sunbet最新登陆


Giovedì 4 Marzo, 2010
l’antiristorante

Seratona tv dinner ieri, come non capitava da tempo, divano e telecomando tutto per me e la compagnia FIGHISSIMA di Jamie’s America sul 410. Va bè a parte che io lo adoro qualsiasi cosa faccia (e qualcuno provi a dirmi che non è bravo, che è tutto finto e costruito, sarà anche tutto finto e costruito ma provate a rifarlo) la serie americana mi piace proprio tanto. Nelle prime due puntate viaggio alla scoperta della New York degli immigrati, inizio con cibo egiziano, poi cinese, colombiano, il sottobosco dei ristoranti “illegal”, normali case che diventano locali pubblici (ma segreti) per sfamare con pochi dollari gli immigrati appena arrivati, il cibo portato di notte per strada per scaldare i clandestini senzatetto, poi, per contrasto, la realtà (più borghese e fighetta) dei club delle cene private, infine Jamie stesso che apre la sua casa  (un vero viaggiatore, dice, non va in albergo ma affitta la sua casetta e gira in metropolitana) a un gruppo di 8 sconosciuti per una cena “aperta” dove il prezzo lo fanno gli ospiti stessi, la compagnia magna e beve allegramente e il ricavato va in beneficienza (in questo caso al tipo che porta il cibo di notte).

.

Mi piace l’idea dell’antiristorante soprattutto quella di cucinare un menu per sconosciuti e di lasciar decidere agli invitati quanto sono disposti a pagare per quella cena. Il sistema è semplice, si fissa una data, si dà qualche idea del menu (un tema o qualche indizio di ingredienti), eventualmente si invitano gli ospiti a portare il vino (magari lo stesso tipo, secondo il sistema democratico PVB, portatevi le vostre bollicine) e si aspettano le iscrizioni (su blog o posta privata). Dopodiché si comunica in segreto il luogo della cena e l’orario. Mi piace da morire questa cosa e la farò prestissimo, quanto al luogo segreto… bè uno ha la soluzione davanti agli occhi e non se ne avvede!!!

.

Ps. nella foto i resti del tv dinner…


Puoi seguire i commenti a questa notizia attraverso RSS 2.0 feed.
Puoi lasciare un commento, o un trackback dal tuo sito.



Un commento per “ l’antiristorante ”

  1. tbrevi ha scritto il Sabato 6 Marzo, 2010 alle 2:25 pm :



    Che bella idea! Libero sfogo all’immaginazione:che tipo di cena sarà…per azzeccare il vino,la curiosità di incontrare gente nuova…ma soprattutto la condivisione di una cena con perfetti sconosciuti,solitamente avviene con persone a noi care!
    Ciao e buon weekend



Lascia una risposta

Devi accedere per inserire un commento.