pres4cription4 tramadol 50mg drug hydrochloride tramadol buy tramadol, what does a tramadol look like, 6fhFeT, viagra for women, ulf ; Vn9bFN, viagra and eating a meal; xanax without a prescription; tramadol pain receptors; NHKkguO; viagra boost as viagra, EHhCAG; VCbsO, time of day to take viagra, viagra, valium viagra interaction, viagra art; Csi1UGo, w7eZ; buy cialis; JLzDDI8, z2vHfj, cialis mexico LoDLSGC; viagra samples WtNnl, u2G5L, online pharmacy prescription drug viagra, k8RtdfEA


Giovedì 17 Dicembre, 2009
A Natale? L’arrosto diventa un fritto!!!

Settimana di Natale ai Cucinatori con tante ricette di finger food e piattini insoliti cucinati nientemeno che con Miss Svizzera Christa Rigozzi. Dopo antipasti finto lusso, i classici primi piatti (tortellini nudi e lasagne al ragù furbo di cappone), ieri è stata la volta degli intoccabili arrosti, che nella mia versione sono diventati il tacchino senza fuoco e il filetto alla Wellington in crosta fritta. Ebbene sì, potevamo farci mancare un bel fritto proprio a Natale? Neanche per sogno anche perché la ricetta è golosissima ed è una delle mie preferite di TUTTIFRITTi.

Sul sito dei cucinatori c’è la ricetta filmata, qui sotto invece la foto originale del libro (di Luca Bartolomei) e la ricetta. Buon appetito e Buon Natale.

Filettini alla Wellington in crosta fritta

Ricetta classica della “grande cuisine” il filetto alla Wellington si cuoce solitamente intero, in forno, avvolto in un guscio di croccante pasta sfoglia e ripieno di paté di funghi o foie gras e tartufo, spinaci, prosciutto crudo o pancetta. Ho pensato di farne delle porzioni individuali ideali per un buffet o una cena in piedi, ma cuocendo in forno dei pezzi di filetto di piccole dimensioni si rischiava di cuocere troppo la carne superando il punto di “giusto rosa” indicato per questa preparazione. La soluzione è arrivata provando a friggere i filettini in crosta, nonostante l’idea di una pasta sfoglia fritta mi spaventasse non poco. Per fortuna l’esperimento è riuscito e il risultato è questo.

Per 12 persone

Preparazione 10 minuti

Cottura 15 minuti

1 kg di filetto o roast beef di manzo; 200 g di prosciutto crudo affettato sottile; 200 g di spinacini freschi da insalata; 500 g di funghi champignon; 125 g di burro al tartufo; 5 fogli di pasta sfoglia rettangolari (o 6 tondi); 1 vasetto di senape di Digione; sale; pepe nero; olio di arachidi per friggere

per completare: spinacini freschi, fragoline o lamponi freschi, pinoli, olio, aceto di lamponi, senape rustica in grani

Preparare la pasta di funghi: affettare i funghi e rosolarli in padella con una noce di burro al tartufo. Spegnere la fiamma, salare, pepare e frullare tutto. Mettere il composto in un passino per eliminare il liquido in eccesso, successivamente incorporare al paté ottenuto, il resto del burro freddo. Tagliare il filetto in rettangoli regolari (3 x 8 cm circa) , massaggiarli con la senape. Stendere una fetta di prosciutto, sovrapporre 2-3 foglie di spinaci e spalmare un cucchiaino di pasta di funghi. Adagiare un filettino di manzo e avvolgere a involtino. Tagliare la pasta sfoglia in quadrati, bucherellarli e arrotolarli intorno ai filettini di carne. Sigillare le estremità e incidere leggermente la superficie con la lama di un coltello, quindi friggere i filettini in abbondante olio ben caldo (170°C), scolarli su carta da cucina e spolverizzarli di sale. Attendere qualche minuto prima di tagliare i filettini a metà e servirli su un’insalatina di spinaci freschi, fragoline e pinoli tostati.


Puoi seguire i commenti a questa notizia attraverso RSS 2.0 feed.
Puoi lasciare un commento, o un trackback dal tuo sito.





Lascia una risposta

Devi accedere per inserire un commento.