pres4cription4 tramadol 50mg drug hydrochloride tramadol buy tramadol, what does a tramadol look like, 6fhFeT, viagra for women, ulf ; Vn9bFN, viagra and eating a meal; xanax without a prescription; tramadol pain receptors; NHKkguO; viagra boost as viagra, EHhCAG; VCbsO, time of day to take viagra, viagra, valium viagra interaction, viagra art; Csi1UGo, w7eZ; buy cialis; JLzDDI8, z2vHfj, cialis mexico LoDLSGC; viagra samples WtNnl, u2G5L, online pharmacy prescription drug viagra, k8RtdfEA

Archivio per Maggio, 2011


…dell’andar per grotti, del bel mangiare, delle belle persone

Venerdì, Maggio 27th, 2011

sì è proprio così, e stavolta voglio dirlo senza preamboli. Non è un luogo comune, la solita voce popolare ancorata al passato e a tradizioni incartapecorite.

.

Nei grotti si mangia bene, la cucina è onesta e genuina e udite udite vi si incontrano davvero persone perbene che fanno, con immane sforzo sostenuto solo da autentica passione e onestà (non posso che usare più volte questo termine ma è la verità) un lavoro duro e faticoso. Grazie alla “passeggiata tra i grotti” fatta per la rubrica foodies di Piattoforte ho capito che è proprio questa onestà (aridaje) a dare gusto speciale e sapore ai piatti. E mi sono fatta pirsuasa (termine rubato al Montalbano di Camilleri, che sta per “sono convinta”), che se sai quanto lavoro c’è dietro una fetta di salame, quando la mangi non stai solo assaporando una fetta di salame, ma è come se entrassi veramente dentro l’essenza delle cose.

.

Perciò grazie ad Alfreda del Grotto Canvett in Valle di Blenio, a Fernando e alla famiglia Foresti del Grotto Pozzasc in Valle Maggia, ai fratelli Buzzi dei grotti Vallera e Santa Margherita rispettivamente a Genestrerio e a Stabio, sono “entrata” in un mondo di eccezionali (nel senso che sono proprio l’eccezione alla regola del gusto ormai comune e omologato) salumi della “mazza nostrana”; sono scesa in grotte umide a fare la conoscenza di indimenticabili formaggi che profumano di erba, di pascolo, di muffe, di cantina, di pioggia e di sole, insomma di stagioni che passano e ci lasciano un pezzetto di storia da ascoltare; ho saputo di spezzatini, brasati e “codegotti” che accompagnano polente fumanti e fumose perché insieme a farina di mais, acqua di montagna e sale, “il quarto ingrediente è il fumo”.

.

E a proposito di polenta nel filmato si può ammirare un esemplare di femmina pugliese che si cimenta “senza paura” nell’uso del paiolo e del bastone per “rugà” quell’impasto denso color dell’oro acceso… va bè a parte il proprietario del grotto che mi rideva dietro lascio agli altri il giudizio sulla figura che ho fatto!!!

.

Infine visto che ho citato il commissario Montalbano e parlato di onestà e visto che tutte le volte qusti post foodies si meritano un personaggio filmico penso che nonostante Montalbano con la terra “Sguizzera” ci calzi poco, penso che a lui andar per grotti, per mangiate e per belle persone, sarebbe piaciuto di molto…





vai alla lista completa dei menu scegli i menu
antipasti
insalate
primi piatti
secondi piatti
piatti unici, contorni robusti
pane, focacce, torte salate
dolci
piccola pasticceria
menu speciali a tema
finger food
vai all'elenco cocktailscocktail
vai ai corsi di cucina corsi di cucina e ricette
esempi di cene già fatte cene tipo